DETRAZIONE FISCALE: TUTTE LE CARATTERISTICHE E LE PROCEDURE DA SEGUIRE

DETRAZIONE FISCALE: TUTTE LE CARATTERISTICHE E LE PROCEDURE DA SEGUIRE

 

Che cos’è la detrazione fiscale?

La detrazione fiscale è “l’importo che il contribuente può sottrarre dall’imposta lorda” (ossia il totale delle tasse sui redditi di cui si è debitori verso lo Stato).

In termini semplici, è l’importo che lo Stato ti “sconta” dalle tasse che si pagano.

Per quanto riguarda la sostituzione infissi, la detrazione fiscale è pari al 50% del costo sostenuto.

Ma, cosa rientra nel bonus infissi?

Il bonus infissi viene concesso se esegui interventi che ti permettono di ottenere un miglioramento delle prestazioni termiche dell’edificio.

Rientrano in questo bonus la fornitura e posa in opera di:

  • Finestre;
  • Porte d’ingresso;
  • Zanzariere;
  • Tende da sole (a condizione che non siano orientate a nord);
  • Scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi.

Quest’ultima voce è molto importante in quanto, per poter usufruire del bonus, tutti gli elementi accessori (cassonetti, tapparelle, motori elettrici, guide tapparelle ecc.) devono essere collaboranti con l’infisso stesso, ossia devono dare un certo aiuto termico all’infisso; in caso contrario, anche se sono accessori importanti come per esempio il cassonetto, non potranno essere detratti e acquistati con l’iva agevolata del 10%.

L’importo viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo.

Per comprendere meglio come funziona la detrazione fiscale sugli infissi per il 2019, facciamo un esempio:

  • Francesco acquista delle finestre del valore di €3.000;
  • La detrazione fiscale è del 50% ossia pari a €1.500;
  • Lo Stato restituisce a Francesco €150,00 all’anno per 10 anni.

 

Procedura per poter usufruire della detrazione fiscale:

Per avere diritto alla detrazione fiscale finestre, innanzitutto è necessario effettuare il pagamento con bonifico bancario o postale di tipo speciale, da cui risulti:

  • la causaledel versamento (legge 296/06 e successive modifiche, risparmio energetico);
  • ilcodice fiscale di chi vuole usufruire della detrazione;
  • ilcodice fiscale o numero di partita Iva della ditta venditrice.

Successivamente (entro 90 giorni dal termine dell’installazione degli infissi), dovrai predisporre o far predisporre telematicamente la pratica Enea.

 

Di seguito una lista di domande e risposte frequenti sulla detrazione fiscale dei serramenti.

Esiste un limite massimo di spesa?

Si, per il bonus ristrutturazioni non puoi superare i 96.000 euro.

Chi può beneficiare della detrazione fiscale infissi?

  • proprietari o nudi proprietari
  • locatari
  • comodatari
  • il familiare convivente
  • chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

Se vendo l’appartamento perdo il bonus serramenti?

Salvo diverso accordo tra le parti, viene trasferita per la parte residua non ancora utilizzata alla persona che acquista la casa.

Nel caso invece di decesso, la detrazione passa all’erede solo se questo abita nella casa interessata o vi trasferisce la residenza.

Devo per forza rivolgermi a un tecnico per inviare le pratiche?

In realtà no ma dato che la pratica non è semplicissima da compilare e inviare, ti consiglio di rivolgerti in ogni caso a un tecnico specializzato, come un architetto, geometra o commercialista.

Se pago l’acconto nel 2019 e il saldo nel 2020, come devo comportarmi?

Si dovranno fare due pratiche distinte

 

Per ulteriori informazioni sull’articolo e su come ottenere la detrazione fiscale, contattaci cliccando qui